logotype
image1 image2 image3

La regola dell'Ordine

I passionisti, fedeli all’insegnamento del Fondatore, con un voto speciale si impegnano come religiosi a vivere in comunità, nella povertà e nella carità fraterna, e come apostoli sono disponibili per l'annuncio della Parola, la predicazione nelle missioni popolari, la direzione spirituale.


Leggi tutto: La regola dell'Ordine

La storia del fondatore

S.Paolo della Croce

IL PADRE DELLA FAMIGLIA PASSIONISTA
pubblicata da P. Alberto Pierangioli sul Mensile " AMICI di Gesù Crocifisso" - settembre 2001

Carattere e formazione
Paolo Danei, detto poi della Croce, nacque in Ovada (AL) il 3 gennaio 1694 e morì in Roma il 18 ottobre 1775. Fu il primo dei sei figli su 15 nati che sopravvissero alla mortalità infantile. Alto circa m. 1.75, era di forte costituzione per cui nonostante gli attacchi di malaria, di reumatismi acuti, della sciatica, delle frequenti palpitazioni di cuore e di altre malattie dovute alle gravi penitenze e ai molti strapazzi affrontati per l'apostolato e per la fondazione della congregazione, giunse a quasi 82 anni di età, mentre la media della vita si aggirava allora sui 35/40 anni.
Visse una parte importante della vita sul promontorio dell’Argentario (GR), che formava lo "Stato dei Presidi", una piazzaforte militare di prim’ordine, contesa tra Spagnoli e Austriaci. Vide 4 guerre e spesso vi fu coinvolto, esercitandovi la sua eroica carità. Svolse il suo apostolato nel secolo dei "lumi", che tanto osteggiò e limitò la vita della Chiesa, specialmente degli istituti religiosi.
Paolo ebbe un carattere definito dai contemporanei «igneo e fervido», o «sanguigno ed assai sensitivo», per cui sentiva fortemente ogni avvenimento gioioso o penoso che fosse, ed era esposto a molte sofferenze psicologiche.

Leggi tutto: La storia del fondatore